Il 22 aprile si festeggia la Giornata mondiale della Terra, la più grande manifestazione ambientale a livello globale ...        

Impianti AC/R: una corretta manutenzione per la tutela dell’ambiente

Il 22 aprile si festeggia la Giornata mondiale della Terra, la più grande manifestazione ambientale a livello globale, in cui circa un miliardo di persone in 192 Paesi celebrano la bellezza del pianeta, promuovendone la salvaguardia.

Proprio a tal proposito una domanda: conoscete qual è l’impatto ambientale che ha un impianto di climatizzazione e refrigerazione non sottoposto a regolare manutenzione?

Da anni, Errecom lavora e si impegna, da un lato per incrementare la consapevolezza dell’utente finale proprio su questo argomento, e dall’altro per sviluppare soluzioni che mantengano gli impianti efficienti con conseguente beneficio sull’ambiente.

Pertanto, approfittando dello scopo educativo ed informativo di una giornata come questa, abbiamo pensato di condividere con voi, le ragioni dell’importanza di una manutenzione regolare. Perché sostenibilità, per Errecom, è un approccio green integrato che va oltre la scelta di packaging e materie prime eco-friendly, diventando a tutti gli effetti una mission aziendale.

Tempo Lettura: 5 min
Controlli ordinari sugli impianti di refrigerazione e climatizzazione permettono di identificare in tempo (e spesso persino prevenire) eventuali perdite di gas refrigerante, contribuendo a salvaguardare il nostro pianeta. Il rilascio di questi gas nell’atmosfera è infatti un pericolo per l’ambiente: intaccano lo strato di ozono (CFC, HCFC), contribuendo all’effetto serra (HFC) e generando effetti irreversibili e dannosi. Eppure, per quanto le nuove normative stiano portando sempre più all’utilizzo di gas refrigeranti a basso GWP, la strada da compiere sembra essere ancora lunga. Pensiamo semplicemente alle 29 tonnellate di refrigeranti illegali sequestrate in Grecia lo scorso febbraio, o anche solo all’assenza di una vera e propria regolamentazione omogenea ed uniforme a livello mondo in materia di gas refrigeranti. Inoltre, la perdita di efficienza è un ulteriore problema legato alla mancanza di manutenzione. Questo non dipende dal tipo di gas circolante nell’impianto ma è fisiologico al suo funzionamento. Con l’obiettivo di mantenere nel tempo l’efficienza degli impianti di climatizzazione e refrigerazione, Errecom ha studiato le reazioni chimiche che avvengono tra gas refrigerante e lubrificante durante il normale funzionamento degli stessi, arrivando a sviluppare un prodotto molto apprezzato sul mercato: AC/R Restoring Treatment. Un trattamento specifico composto da 4 additivi in siringa che usati con una precisa sequenza ripristinano le originali condizioni di efficienza dell’impianto e prevengono la formazione di perdite di gas refrigerante. Inoltre, questi additivi, se inseriti in impianti non compromessi, bloccano la catena di reazioni chimiche dovuta al naturale decadimento del gas refrigerante e del lubrificante presenti nell’impianto mantenendo la sua efficienza nel tempo. Analisi condotte in materia hanno stimato che, in media, una percentuale tra l’1% e l’8% del volume dell’olio del compressore viene trascinato dal gas refrigerante in tutto l’impianto, generando quello che è conosciuto dagli esperti del settore come fenomeno Oil Fouling. Il lubrificante si deposita e accumula sulle pareti interne delle tubazioni del condensatore e dell’evaporatore riducendo: – lo scambio termico – il diametro delle tubazioni – la capacità lubrificante dell’olio – il volume di lubrificante nel compressore – l’efficienza del sistema (-30% dati Ashrae) Inoltre, il funzionamento dell’impianto negli anni porta l’umidità in eccesso a circolare liberamente nel sistema e, combinandosi con il fluoro contenuto nel gas refrigerante, a produrre acidità. Quest’ultima provoca a sua volta una lenta ma costante corrosione dei componenti in gomma e metallo degli impianti e, di conseguenza, perdite di gas refrigerante, con gli inevitabili effetti sull’ambiente citati precedentemente. AC/R Restoring Treatment consente la risoluzione e la prevenzione di tali problematiche con soli 24 ml (6ml x 4 additivi) di prodotto. Vediamo ora nello specifico come agisce ogni singolo additivo.

No-Acid Ultra: additivo neutralizzatore di acido

Le molecole di No-Acid Ultra si legano a quelle dell’acidità presente nell’impianto eliminandola definitivamente ove presente o evitando la sua formazione se usato in ottica preventiva. Sicuro e compatibile con tutti i gas refrigeranti (CFC, HFC, HCFC, R32, HFO ad eccezione del R717), l’utilizzo di No-Acid Ultra è il primo step dell’AC/R Restoring Treatment.
Riproduci video

Super Dry Ultra: additivo anti-umidità

La speciale formula di Super Dry Ultra stabilizza il lubrificante, prevenendo ed eliminando in modo definitivo la formazione di umidità all’interno degli impianti di climatizzazione e refrigerazione. Essendo, inoltre, l’umidità una delle cause principali della formazione di acidità negli impianti, l’utilizzo di Super Dry Ultra aiuta a prevenire la formazione dell’acido, con ovvi benefici sul sistema. Privo di metanolo e particelle solide, Super Dry Ultra è sicuro per il compressore, le guarnizioni, le componenti dell’impianto ed è compatibile con tutti i gas refrigeranti (CFC, HFC, HCFC, R32, HFO ad eccezione del R717).
Riproduci video

Cool-Shot Ultra: additivo per ripristinare l’efficienza dell’impianto

Cool-Shot Ultra è l’additivo sviluppato da Errecom per risolvere il problema dell’Oil Fouling nell’impianto e ripristinarne l’efficienza originaria. Composto da due catalizzatori sintetici e da un agente lubrificante, Cool-Shot Ultra rimuove tutti i depositi di lubrificante accumulati sulle pareti dell’impianto, li solubilizza e li veicola nuovamente nel compressore. Dalle ricerche condotte nel laboratorio di Errecom è stato stimato che l’utilizzo di Cool-Shot Ultra porta i seguenti benefici: -5°C in brevissimo tempo +76% di scambio termico -20% di consumo energetico dell’impianto +62% di efficienza del lubrificante del compressore +80% di vita dell’impianto AC/R. I dati riportati si riferiscono ad una media dei risultati registrati da Errecom a seguito dell’inserimento di Cool-Shot ultra in impianti AC/R con differenti anni di utilizzo e contenenti lubrificanti e gas refrigeranti diversi. Infine, la conseguente riduzione di emissioni di CO2, legata al ripristino dell’efficienza dell’impianto, rende l’utilizzo di Cool-Shot Ultra uno step necessario per contenere l’impatto ambientale degli impianti. Anche in tal caso, come per i due additivi precedenti, Cool-Shot Ultra agisce senza causare alcun cambiamento chimico nel lubrificante del compressore e nel gas refrigerante ed è compatibile con tutti i gas refrigeranti (CFC, HFC, HCFC, R32, HFO ad eccezione del R717).
Riproduci video

Extreme Ultra: additivo turafalle

Extreme Ultra è l’ultimo step dell’AC/R Restoring Treatment, consigliato da Errecom per individuare e sigillare eventuali perdite di gas refrigerante, presenti nell’impianto, fino ad una dimensione massima di 0.3 mm. La sua formulazione è sicura al 100%: non contenendo polimeri, infatti, non reagisce all’aria e all’umidità, evitando la formazione di eventuali ostruzioni. Inoltre, è totalmente sicuro anche per l’operatore non essendo infiammabile o irritante. Compatibile con tutti i gas refrigeranti ad eccezione di R717, Extreme Ultra contribuisce con la sua azione a ridurre l’impatto ambientale degli impianti di climatizzazione e refrigerazione. Un altro prodotto made in Errecom che sposa la politica aziendale e la sua eco-mission.
Riproduci video

Eliminando umidità, acidità e Oil Fouling dagli impianti di climatizzazione e refrigerazione, e sigillando le perdite di gas refrigerante, il trattamento AC/R Restoring Treatment di Errecom è l’unico presente sul mercato che risolve o previene a 360° le problematiche che possono ridurre l’efficienza degli impianti, garantendo a questi ultimi di funzionare sempre al massimo delle loro performance, allungando la loro vita utile e tutelando il pianeta per un futuro sostenibile.

Condividi su
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Articoli correlati